Imparare l’inglese FACENDO!

Hai mai pensato a quanto sia noioso dover aprire un libro e leggere noiosamente le sue pagine smorte e solo in bianco e nero? Soprattutto per quanto riguarda i libri di lingua con una serie interminabile di regole grammaticali e pochi disegni?

Oggi voglio fornirti un paio di metodi per memorizzare le regole e i vocaboli inglesi e, se hai figli o nipotini, di farlo memorizzare anche a loro.

Hocus & Lotus: Chi sono?

Si tratta di un metodo sperimentato da un a Psicologa del Linguaggio la quale afferma che la lingua s’apprende all’interno di relazioni, di esperienze vissute. Quindi anche con il gioco e il corpo. Il metodo Hocus&Lotus è stato sostenuto da Rai Fiction, dalla Ue e dalla Provincia autonoma di Bolzano. E dal 2005 è «sponsorizzato» dall’Unicef.

‘Faccio indossare la maglietta, che segna il passaggio dalla lingua madre all’inglese. Poi racconto una storia che accompagno con i gesti. Nella narrazione i personaggi sono due, di facile e immediata identificazione per i bambini. Successivamente passo alla modalità sonora, la stessa storia viene cantata e sempre seguita dai gesti. Con la lettura animata i bambini hanno poi un riscontro visivo di ciò che fino ad allora avevano intuito e immaginato.’

Capito? Più o meno come la canzone della macchina del capo, che ha un pppsssst nella mmmh!! 😀 Non ti sto dicendo di fare gestacci per memorizzare le parole, ma se un vocabolo proprio non ti entra in testa potresti mimarlo, in tal modo il cervello aggancerà a tale movimento il suono che esce dalla tua bocca.

 

Lapbook per i bambini

Abbiamo dedicato poco tempo fa un articolo ad una nostra carissima collaboratrice, Ginevra, una delle pioniere italiane dei Lapbook. Cosa sono? Si tratta di libri creati dagli stessi bambini con i propri disegni, colori, carta, forbice e colla.

Ecco la versione per imparare l’inglese:

In questo modo i bambini saranno stimolati nel ricordo attraverso la loro memoria visiva. Pensate non servano a nulla? Volete una prova della loro validità? Pensate a questa scena: interrogazione di scienze, la professoressa vi domanda quel termine che sapete di aver letto ma non ricordate.. sapete che si trova in una pagina del libro in alto a destra..

Bene, la vostra memoria visiva si ricorda la posizione nella pagina ma la vostra memoria non riesce a ricordare l’informazione scritta. 😉

 

Mappe Mentali per adulti

Abbiamo dedicato altrettanti articoli alle Mappe Mentali; si tratta di un buon compromesso tra emisfero sinistro e destro del cervello: attraverso i rami riusciamo a dare un’ordine sequenziale e gerarchico e attraverso i colori ed i disegni accanto ai concetti diamo un tocco creativo. Inoltre ti consiglio le associazioni buffe esposte in questo articolo per la memorizzazione dei vocaboli 😉

Buon inglese!

Leave a Comment