Lapbookiamo??

I lapbook mi hanno subito affascinato, dalla prima volta che ho sentito Ginevra parlarmene, a quando ne ho visto uno: sono rimasto stupefatto dalla loro efficacia sui risultati dello studio dei bambini e dal modo divertente e creativo con il quale facilitano l’apprendimento attivo e la creatività.

Non lasciatevi ingannare!! Si possono fare lapbook di tutti i tipi, anche semplicissimi e possono essere utilizzati in molti contesti, dai bambini in età prescolare fino alla tesina per l’esame di terza media.

I lapbook: uno strumento per imparare

Ma che cos’é un lapbook? Descriverne uno a parole non é molto semplice, perció date un’occhiata alle fotografie e capirete meglio.


 

Chi vede per la prima volta un lapbook avrá l’impressione che ci sia dietro davvero tanto lavoro – ritagliare, piegare, incollare, scrivere, disegnare, fare ricerca… – e infatti é un progetto che necessita di dedizione e tempo. Ma proprio qui sta anche la sfida che fa del lapbook uno strumento di apprendimento che é molto piú di un riassunto, un poster, una mappa mentale/concettuale o una presentazione power point cartacea.

Passo per passo vengono raccolte le informazioni sull’argomento scelto e poi gestite in modo individuale. Questo procedere in modo lento e concentrato é un ottimo sostegno per l’apprendimento approfondito e dettagliato. Inoltre il bambino impara a classificare le informazioni: Cosa é importante, cosa invece rientra nei dettagli? Cosa voglio rappresentare in quale maniera? A seconda di quale logica gestisco gli spazi a disposizione?

Lapbook: per chi è adatto?

Il Lapbooking é indicato per bambini, ragazzi e adulti di ogni etá e si presta a tutti i contenuti possibili.  Si tratta di un’attivitá che é divertente e soddisfacente perché concilia la costruzione di qualcosa di utile con qualcosa di bello, un vero prodotto artistico con soluzioni individuali.

Soprattutto bambini che non amano molto la scrittura, alla fine del lavoro si meravigliano di quanto in realtá sono riusciti a scrivere: dai titoli ai sottotitoli delle immagini, a breve descrizioni e forse anche qualche riassunto. Altri bambini che sono convinti di “non saper disegnare” trovano nuove soluzioni come il collage o il copiare disegni di altri.

Consigli pratici per creare un lapbook

  1. Quando il bambino costruisce un lapbook, fatene possibilmente uno anche voi. È il modo migliore per ispirarsi l’uno dall’altro, proporre soluzioni creative e darsi una mano.
  2. L’obiettivo finale non é la perfezione ma la dedizione, il divertimento e la soddisfazione con il proprio progetto.
  3. Datevi tutto il tempo di cui avete bisogno. Il lavoro ad un lapbook puó anche durare diverse settimane.

Voglio condividere proprio il video di Ginevra come omaggio a questo splendido mondo creativo: sbizzarritevi!

Happy Lapbooking!

 

Leave a Comment