Che intelligenza hai?

Howard Gardner, lo conosci?

Pensa che nel 1988, esattamente 30 anni fa questo neuropsicologo ha ipotizzato che invece di una sola intelligenza, ogni essere umano dispone di diverse intelligenze. Per la precisione 8. Ma cosa significa intelligenza?

Si tratta della capacità di risolvere i problemi oppure di creare prodotti di valore nelle distinte culture.

Se fino ad ora ci siamo sempre immaginati i personaggi di Big Bang Theory oppure matematici e astruse formule.. scopriamo attraverso Gardner che ogni persona può essere intelligente in diversi ambiti. Andiamo a scoprire quali:

Intelligenza logica

Si tratta dell’intelligenza impiegata nel risolvere problemi di logica e matematica. La capacità di utilizzare i numeri in modo preciso e di ragionare in modo corretto. Stiamo parlando dell’intelligenza propria degli scienziati, dei matematici, degli ingegneri e di chi utilizza il ragionamento e la deduzione, ovvero lavorare con concetti astratti ed elaborare esperimenti. Questi soggetti impiegano l’emisfero sinistro.

Intelligenza linguistica

È l’intelligenza utilizzata per articolare in modo efficace le parole, sia oralmente sia per iscritto. Un notevole livello di questa intelligenza si osserva negli scrittori, nei giornalisti, nei comunicatori e negli studenti con spiccate abilità nell’apprendere le lingue straniere, la storia, leggere, etc. I soggetti coinvolti utilizzano entrambi gli emisferi.

Intelligenza corporeo-cinestetica

È l’intelligenza sfruttata da tutto il corpo per esprimere idee e sentimenti, nonché l’abilità dell’uso delle mani per trasformare gli oggetti. Le capacità di equilibrio, flessibilità, velocità, coordinazione, così come l’abilità cinestetica oppure la percezione delle dimensioni e del volume, si manifestano grazie a questo tipo di intelligenza. Atleti, chirurghi, artigiani, ballerini ne sono i principali rappresentanti.

Intelligenza musicale

È quel tipo di intelligenza che percepisce, trasforma e definisce la musica e le sue forme. La sensibilità, il ritmo, il tono e il timbro sono associati a questo tipo di intelligenza. Presente nei compositori, nei direttori d’orchestra, nei musicisti e in generale nelle persone che si sentono attratte dalla natura e dalle melodia. Molto sviluppata, inoltre, in chi scandisce la battuta di una musica, sbattendo o agitando a ritmo un qualsiasi oggetto con il piede o la mano.

Intelligenza spaziale

Rappresenta l’abilità di pensare in tre dimensioni. Una capacità che ci permette di percepire immagini esterne ed interne per poi trasformale oppure modificarle al fine di produrre o decodificare informazioni grafiche. Piloti, scultori, pittori, navigatori ed architetti ne sono un chiaro esempio. Si parla, quindi, di persone a cui piace realizzare mappe, quadri, disegni, schemi e piani.

Intelligenza naturalistica

Si tratta della capacità di differenziare, classificare e coinvolgere l’ambiente; oggetti, animali oppure piante (tanto nell’ambiente urbano come in quello rurale). Abilità di osservazione, riflessione e di organizzazione nei confronti di quello che ci circonda. È propria della gente di campagna, dei botanici, dei cacciatori, degli ecologisti. Si osserva anche nelle persone che amano le piante e gli animali.

Intelligenza interpersonale

È la capacità di entrare in empatia con gli altri. Si possiede una particolare sensibilità nel comprendere le espressioni facciali, il tono della voce, i gesti e la postura, così come un’innata abilità nel rispondere. Presente nei politici, nei venditori e negli insegnanti di fama.

Intelligenza intrapersonale

È l’intelligenza che permette di maturare una valutazione esatta nei confronti di se stessi e la capacità di dirigere la propria vita. Include la riflessione, l’autocomprensione e l’autostima. Si apprezza nei teologi, psicologi, sociologi e filosofi.

Secondo questa teoria, tutti gli esseri umani possiedono queste otto intelligenze in maggiore o minore misura, ma si sottolinea l’assenza di profili puri.

E a scuola?

Gardner sostiene che l’insegnamento dovrebbe orientare gli alunni in funzione delle proprie capacità e del tipo di intelligenza che più predomina in loro. In questo modo si svilupperebbero i punti di forza di un individuo e si formerebbero giovani in grado di affrontare un mondo sempre più competitivo.

Leave a Comment